Rivoluziona l'ergonomia della tua scrivania
in 5 minuti

in Lavoro

Rinnova la tua scrivania in 5 minuti

Hai probabilmente letto centinaia di avvertimenti contro i rischi di un lavoro sedentario. L’adulto medio passa più della metà della sua giornata seduto al lavoro, e questo aumenta il rischio di diabete e di patologie cardiovascolari; certamente la situazione non migliora se soffri di SM. Quindi se sei seduto alla tua scrivania e stai leggendo questo articolo, prenditi qualche minuto per fare un veloce check-up ergonomico al tuo spazio lavorativo.

  1. Sedia: Regola la sedia affinché i tuoi piedi appoggino comodamente a terra e le ginocchia si trovino all’altezza del bacino. Se necessario, usa un appoggia-piedi per mantenere i tuoi piedi in piano. Regola i braccioli affinché le braccia abbiano un angolo di 90° in posizione di riposo. Un consiglio: metti un cuscino tra la sedia e la parte inferiore della schiena per avere ulteriore supporto lombare.
  2. Postura: Siediti ben dritto e centrato rispetto al computer. Controlla che le gambe siano parallele e che gli oggetti che più utilizzi (block-notes, telefono, acqua) siano a portata di mano sulla scrivania per evitare di doverti allungare eccessivamente.
  3. Tastiera & Mouse: Cerca la lettera ‘B’ sulla tastiera. Deve trovarsi proprio di fronte a te ed essere comodamente raggiungibile. Posiziona il mouse alla destra della tastiera. Polsi e avambracci devono assumere una posizione naturale senza piegarsi mentre scrivi.
  4. Schermo: Allunga il braccio; riesci a toccare lo schermo? Se si, allora è troppo vicino. Allontanalo a un braccio di distanza. Se puoi regola l’altezza dello schermo affinché la parte superiore coincida con la parte superiore della tua testa.

Questo è tutto! Se ti senti teso o bloccato seduto alla scrivania, prova a ripetere gli step precedenti. Inoltre, usa la regola del 20-20-20 per ridurre la stanchezza e l’affaticamento degli occhi. Ricordati di puntare lo sguardo a 20 piedi (6 metri circa) dal computer, per 20 secondi ogni 20 minuti.


Se vuoi leggere l’articolo originale, clicca qui


Leggi di più in Lavoro

Condividilo sui tuoi profili social