LE GIOIE DEL PART-TIME

Angela Brandtdi Angela Brandt

in Lavoro

suggerimenti per chi sta pensando di passare al part-time

Recentemente ho letto un articolo che parlava di come le persone si sforzino sempre di destreggiarsi tra mille attività e impegni. Alzate la mano se è il vostro caso! E non preoccupatevi, io sto alzando la mano insieme a voi e, proprio per questo, di recente ho deciso di assumere una posizione meno stressante al lavoro passando dal tempo pieno al part-time.

Come è successo? Perché, a 33 anni e con due bambini piccoli a casa, ho deciso di fare un passo indietro per la mia carriera? Si è trattato di una decisione affrettata che presto rimpiangerò? Sto lasciando che la SM vinca? E l’assicurazione? Queste sono solo alcune delle domande che mi sono posta, ma alla fine ho deciso che era la cosa giusta da fare per la mia famiglia. Ecco alcuni suggerimenti per chi sta pensando di passare al part-time

  • Guardati dentro ed esamina onestamente il tuo lavoro. Sapevo che era giunto il momento di un cambiamento quando ho iniziato a lamentarmi dello stress provocato dal lavoro e dall’impatto negativo sulla mia salute e sul tempo a disposizione per la famiglia. Alcune persone si trovano a loro agio con la pressione e gli obiettivi da raggiungere sul lavoro. Anche se credo che questo non faccia bene a nessuno, ritengo sia particolarmente dannoso per coloro che soffrono di SM poiché lo stress può aggravare la situazione. La mia posizione nel settore vendite non era più sostenibile e ho quindi deciso di cambiare reparto.
  • Non decidere da solo. Quando stai considerando un cambiamento così importante, parla con qualcuno dei possibili effetti di tale cambiamento e risolvi eventuali problemi con l’aiuto di amici e famigliari.
  • Pensaci bene. Non prendere una decisone nel bel mezzo di un peggioramento o appena dopo aver ricevuto la diagnosi, quando stai cercando di dare un senso a così tante informazioni. Un cambio di vita radicale non può essere il frutto di una decisione affrettata.
  • Accertati che sia possibile. Cerca di capire se sia possibile passare al part-time o comunque modificare l’orario lavorativo. Puoi chiedere al tuo neurologo di scrivere una lettera a supporto della tua richiesta. Se hai un buon rapporto coi tuoi superiori, parlane con loro, oppure parlane con qualcuno delle risorse umane e valuta le opzioni a disposizione.
  • Assicurati di essere coperto dall’assicurazione Avere la SM significa, per molti, essere affiancati da una squadra di professionisti del settore medico. Significa anche dover fissare degli appuntamenti con questi professionisti, richiedere degli esami, e non voglio pensare a quanto costerebbe dover pagare di tasca propria senza un’assicurazione (almeno negli USA). Ai fini assicurativi, devo lavorare almeno 24 ore alla settimana, e quindi è quello che farò.
  • Ma fondamentalmente, se sai che passare al part-time è la cosa migliore per te, FALLO. Non tutti capiranno e non devi dare nessuna spiegazione a nessuno. Circondati di persone che ti sosterranno in qualsiasi situazione. Non voglio che la mia scelta di passare al part-time venga intesa come un’ammissione di sconfitta di fronte alla SM o come una decisione presa perché “non riesco a fare tutto”. Posso scegliere quante ore lavorare, che lavoro fare e dove lavorare. Sto esercitando il mio diritto di scelta e mi sento già sollevata da un grande peso.

Se vuoi leggere l’articolo originale, clicca qui


Leggi di più in Lavoro

Condividilo sui tuoi profili social